DG VAL

Conclusa la consultazione on line “Cultura senza ostacoli”. Grande successo dell’iniziativa: vince Cagliari

LogoSi è conclusa il 20 giugno scorso la consultazione on line "Cultura senza ostacoli”, il progetto ideato e curato dalla Direzione Generale per la Valorizzazione del Patrimonio Culturale teso a finanziare, in un museo statale, la realizzazione di un percorso di accessibilità fisica e sensoriale.  

In soli 14 giorni hanno visitato il sito istituzionale oltre 35.000 persone ed hanno votato il “loro” museo 18.679 utenti.

Il più votato è stato il Museo Archeologico Nazionale di Cagliari, grazie anche ad una intensa campagna di promozione avviata sul territorio, che ha visto anche la partecipazione del celebre jazzista Paolo Fresu.

Molti i voti anche per il Castello Miramare a Trieste, per la Galleria Nazionale delle Marche ad Urbino, per il Museo Archeologico Nazionale di Napoli, per la Pinacoteca Nazionale di Bologna.

Siamo davvero soddisfatti del risultato di questa iniziativa che ben si colloca nell’ambito del processo democratico avviato dalla Direzione Generale con le precedenti consultazioni, volte all’ascolto dei fruitori del patrimonio, in un rapporto condiviso e partecipato del servizio pubblico- ha dichiarato Anna Maria Buzzi, Direttore Generale per la Valorizzazione del Patrimonio Culturale.  

Intendo ringraziare quanti hanno partecipato al progetto -ha proseguito il Direttore Buzzi- dagli Uffici territoriali del Ministero, ai social network, agli Enti Locali, alle Associazioni culturali e sociali che hanno operato in sinergia tra loro, avviando una competizione virtuosa tra i luoghi interessati dall’iniziativa.

L’impegno della Direzione Generale non si esaurisce qui, ha continuato Anna Maria Buzzi. Per gli altri importanti siti coinvolti nel progetto, in linea con il Decreto Legge “Turismo e Cultura” promosso dal Ministro Franceschini, si cercherà di attivare ulteriori forme di finanziamento attraverso il crowdfounding".

 

Premiazione dei vincitori della II edizione del progetto concorso “Articolo 9 della Costituzione"

LogoLogoIl 6 giugno, nella prestigiosa cornice della Sala Koch di Palazzo Madama, alla presenza del Presidente del Senato della Repubblica Pietro Grasso, si è svolta la premiazione dei vincitori della seconda edizione del progetto concorso "Articolo 9 della Costituzione. Cittadinanza attiva per valorizzare il patrimonio culturale della memoria storica a cento anni dalla Prima Guerra Mondiale".

"L’articolo 9 della Costituzione ha in sé gli obiettivi più profondi dei principi che i Padri Costituenti vollero consegnare alla storia della Repubblica italiana, la possibilità per le giovani generazioni di usufruire del vasto e prezioso patrimonio culturale della Nazione, divendone a loro volta custodi. La Nazione, un popolo, esistono solo attraverso la cultura, che si esprime nel paesaggio, nel patrimonio materiale e immateriale del Paese , allorchè vive e si tramanda- ha dichiarato il Direttore generale per la valorizzazione del patrimonio culturale Anna Maria Buzzi. L'Amministrazione dei Beni Culturali – ha proseguito la Buzzi- ha investito molto nella diffusione della conoscenza del patrimonio, come dimostra il recente protocollo di intesa firmato il 28 maggio scorso dal Ministro del MiBACT Dario Franceschini e dal Ministro del MIUR Stefania Giannini, finalizzato a dare ampio risalto ai giovani, alla loro formazione, al loro futuro”.

Il Direttore Buzzi ha quindi ringraziato Pietro Grasso per aver voluto ospitare la cerimonia e premiare in prima persona i vincitori del concorso, rivolgendo poi un saluto ai partner dell’iniziativa, al Direttore Generale Carmela Palumbo del MIUR e al Direttore Marco Tamaro della Fondazione Benetton Studi e Ricerche , che per il secondo anno scolastico hanno lavorato per la migliore riuscita del progetto, come pure a Rai Educational e a Rai Radio 3, presenti all’incontro e membri della Giuria.

Ha quindi rivolto un caloroso ringraziamento a tutti gli studenti che hanno partecipato al concorso, complimentandosi per la bellezza e la profondità dei loro lavori, che hanno reso attualissimo il tema della Grande Guerra, rivissuta nelle immagini e nei testi dei protagonisti, ragazzi come loro, di cento anni fa.

La dotta presentazione dei lavori degli studenti ad opera del Presidente Emerito della Corte Costituzionale Riccardo Chieppa, ha quindi introdotto la proclamazione e la premiazione dei tre vincitori e delle menzioni speciali volute da Stefano Ribaldi per Rai Educational e da Elisabetta Parisi per Rai Radio 3.

I lavori realizzati dagli studenti per il progetto “Articolo 9 della Costituzione. Cittadinanza attiva per valorizzare il patrimonio culturale della memoria storica a cento anni dalla Prima Guerra Mondiale” saranno fruibili, a breve, nel sito istituzionale della Direzione Generale per la valorizzazione del patrimonio culturale www.valorizzazione.beniculturali.it e al link www.articolo9dellacostituzione.it

Per maggiori dettagli leggi anche:
www.valorizzazione.beniculturali.it/index.php?option=com_content&view=article&id=433:articolo-9-della-costituzione2013-2014&catid=34:notizie&Itemid=53&lang=it

Gli audiovideo del Concorso

icona pdfI vincitori del Concorso

icona pdf15.06.2014 - Il sole 24 ore Domenica: Progetto Articolo 9. La voce degli studenti sulla Grande Guerra

Report European Concept for Accessibility 2013

LogoE’ stato di recente pubblicato il Report ECA (European Concept for Accessibility) 2013 sul tema "Design for All in progress, dalla teoria alla pratica". Il testo ha affrontato importanti tematiche e casi di studio su progetti legati al Design for All in ambito europeo, con interessanti proposte per l’accessibilità di città, parchi e abitazioni. Alla pubblicazione ha partecipato, per l’ Italia, il Direttore Generale per la Valorizzazione del Patrimonio Culturale Anna Maria Buzzi, che ha presentato i progetti e le attività della Direzione Generale in tema di accessibilità al patrimonio culturale statale italiano.

Scarica il report

Progetto "Cultura senza ostacoli"

LogoLa Direzione Generale per la Valorizzazione del Patrimonio Culturale dà l'avvio, dal 6 al 20 giugno 2014, alla nuova consultazione pubblica on line del progetto "Cultura senza ostacoli".
L’iniziativa, ideata e condotta dalla Direzione Generale, intende finanziare un luogo della cultura del patrimonio statale individuato tra le eccellenze italiane, per la realizzazione di un percorso di accessibilità fisica e/o sensoriale, al fine di consentirne la piena fruizione da parte di tutti i visitatori.
Il luogo che riceverà il maggior numero di preferenze vedrà l’attuazione di un intervento volto ad ottenere l’accessibilità ampliata del sito a spese della Direzione Generale per  la Valorizzazione del Patrimonio Culturale.
Per gli altri luoghi verranno individuate dalla Direzione Generale ulteriori forme di finanziamento, al fine di provvedere alla realizzazione del maggior numero possibile di percorsi di accessibilità multi-strutturata tra i siti inseriti nel progetto “Cultura senza ostacoli”.  
"Questa consultazione on line- ha dichiarato il Direttore Generale per la valorizzazione del patrimonio culturale  Anna Maria Buzzi-  costituisce una preziosa occasione di contatto tra le istituzioni e i cittadini, al fine di venire incontro alle esigenze manifestate da tutti i pubblici del patrimonio culturale statale e rendere sempre più piacevole la visita alle bellezze artistiche del Paese. Il nostro intento, come nelle consultazioni passate che hanno ottenuto una grande partecipazione, specie tra le giovani generazioni, è quello di mettere il visitatore al centro della nostra attenzione e accoglierne le richieste, per una sempre migliore qualità del servizio pubblico". 

Per accedere alla consultazione on line vai al seguente link:
www.valorizzazione.beniculturali.it/index.php?option=com_content&view=article&id=455&Itemid=318&lang=it

MiBACT e MIUR insieme per promuovere la conoscenza del patrimonio culturale

Il Ministro dei Beni e delle Attività culturali e del turismo, Dario Franceschini, e il Ministro dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca, Stefania Giannini, hanno siglato, il 28 maggio, un Protocollo di intesa tra i due Dicasteri che prevede una serie di iniziative tese ad accrescere la conoscenza, la fruizione e la promozione del patrimonio storico-artistico e dei luoghi della cultura da parte degli alunni di tutte le scuole di ogni ordine e grado.
Viva soddisfazione è stata espressa dal Direttore generale per la valorizzazione del patrimonio culturale, Anna Maria Buzzi, per aver portato a compimento, insieme con il Direttore generale per lo studente, l’Integrazione, la partecipazione e la comunicazione, Giovanna Boda, l’iter amministrativo del Protocollo d’Intesa firmato, a Roma, nel Museo dell’Alto Medioevo.
"Con questo atto l’amministrazione riserva, ancora una volta, particolare attenzione verso i giovani - ha detto il Direttore Generale per la valorizzazione del patrimonio culturale, Anna Maria Buzzi – affinché crescano nell’interesse verso i temi della conoscenza, della conservazione, della salvaguardia, della tutela, della valorizzazione del patrimonio culturale, anche attraverso un rinnovato trasporto per la lettura. Sono infatti i giovani i futuri tutori del patrimonio culturale. La chiave di volta per raggiungere questo importante obiettivo è la collaborazione costante e proficua non solo tra le istituzioni statali, ma anche tra gli altri soggetti competenti, sul territorio. In questo quadro, il MiBACT ha preso l’impegno di potenziare la rete dei Servizi educativi coordinata dalla Direzione generale della valorizzazione, al fine di rafforzare i rapporti con le istituzioni scolastiche, favorendo l’attuazione di mirati progetti didattico-educativi annuali e pluriennali. Il patrimonio culturale ha infatti una valenza formativa eccezionale perché in esso c’è la nostra storia, la nostra cultura, la nostra identità, ci sono le nostre tradizioni, le nostre eccellenze, le nostre radici e, soprattutto, c’è la possibilità di vivere meglio il nostro presente e costruire consapevolmente il nostro futuro".