DG VAL

Didattica speciale per pubblici con esigenze speciali. Convenzioni e protocolli d' intesa

Il Servizio II  supporta il Direttore Generale nelle attività relative all’applicazione degli articoli 118 e 119 del Codice, per il tramite del Centro per i Servizi educativi del museo e del territorio, anche in relazione al pubblico con disabilità, così come stabilito nel Decreto Ministeriale del 20 luglio 2009.

In virtù di tali attribuzioni e in forza delle esperienze maturate nel settore della didattica speciale, sono stati siglati  alcuni importanti  protocolli d’intesa con i maggiori Organi nazionali di tutela e rappresentanza delle persone con disabilità. Di questi protocolli si fornisce di seguito un elenco, con una breve sintesi dei principali contenuti. 

 


 

1)  Istituto Statale per Sordi di Roma

Parti firmatarie

Servizio II – Centro per i Servizi educativi del museo e del territorio

Istituto Statale per Sordi di Roma, con sede in  Via Nomentana, 54-56

Contenuti principali del protocollo

Collaborazione nel  settore dell’educazione al patrimonio culturale, della pedagogia del patrimonio, della didattica speciale e dell’accessibilità.

Elaborazione di progetti destinati al pubblico sordo in età scolare e non, con lo scopo di sviluppare le potenzialità e le inclinazioni naturali della persona, orientare le scelte formative e professionali, facilitare l’accesso al patrimonio culturale italiano ed europeo, anche attraverso la realizzazione di progetti dedicati alla comunicazione, per la progressiva costruzione di un corpus terminologico disciplinare specifico in lingue dei segni.

Promozione e monitoraggio per attività di ricerca-azione su temi di rilevante interesse per la conoscenza del patrimonio culturale per le persone sorde.

Collaborazione nello scambio di iniziative volte alla comunicazione del patrimonio culturale, alla didattica museale per persone sorde, alla formazione degli operatori, oltre che alla divulgazione tra i servizi educativi di Soprintendenza e la Mediateca Visu@le, lo Sportello di informazione e consulenza sulla sordità, gli Enti e le Associazioni ospitate in convenzione dall’Istituto,  di opere, sussidi scientifici e culturali realizzati reciprocamente sui temi dell’educazione al patrimonio culturale, anche mediante sistemi multimediali.

(firmato in data 24 marzo 2010)

 


 

2) Unione Italiana dei ciechi e degli ipovedenti – ONLUS

Parti firmatarie

Servizio II – Centro per i Servizi educativi del museo e del territorio

Unione Italiana dei ciechi e degli ipovedenti–ONLUS, con sede in Roma Via Borgognona,38

Contenuti principali del protocollo

Collaborazione nel  settore dell’educazione al patrimonio culturale, della pedagogia del patrimonio, della didattica speciale e dell’accessibilità. Elaborazione di progetti e strategie didattiche destinati al pubblico cieco e ipovedente in età scolare e non, con lo scopo di favorire la piena attuazione del diritto all’informazione e allo sviluppo armonioso della persona, facilitare l’integrazione, potenziare l’accesso al patrimonio culturale italiano anche attraverso la realizzazione di progetti pilota dedicati alla comunicazione del patrimonio culturale.

Elaborazione di linee guida, prodotti, procedure e progetti, realizzati anche mediante sistemi multimediali innovativi, destinati ad agevolare la conoscenza del patrimonio culturale per le persone cieche e ipovedenti.

Collaborazione nelle attività di promozione, comunicazione e diffusione della conoscenza del patrimonio culturale in campo nazionale e internazionale, con iniziative comuni finalizzate a divulgare e valorizzare le rispettive iniziative culturali di formazione, pubblicazioni, anche elettroniche, kit didattici, sussidi scientifici e culturali e prodotti multimediali sui temi dell’educazione al patrimonio culturale, con i mezzi ed i canali comunicativi a disposizione delle parti.

(firmato in data 8 luglio 2010)

 


 

 3) Ente Nazionale per la protezione e l’assistenza dei Sordi

Parti firmatarie

Servizio II – Centro per i Servizi educativi del museo e del territorio

Ente Nazionale per la protezione e l’assistenza dei Sordi, Ente morale,  con sede in Roma, Via Gregorio VII, 120

Contenuti principali del protocollo

Collaborazione nel  settore dell’educazione al patrimonio culturale, della pedagogia del patrimonio, della didattica speciale e dell’accessibilità.Elaborazione di progetti e strategie didattiche destinati al pubblico sordo in età scolare e non, con lo scopo di sviluppare le potenzialità e le inclinazioni naturali della persona, orientare le scelte formative e professionali, facilitare l’accesso al patrimonio culturale italiano ed europeo, anche attraverso la realizzazione di progetti dedicati alla comunicazione culturale.

Promozione e monitoraggio delle attività di ricerca-azione nel settore dell’educazione al patrimonio culturale, della pedagogia del patrimonio, della didattica speciale e dell’accessibilità.

Elaborazione di  linee guida, prodotti, procedure e progetti realizzati anche mediante sistemi multimediali innovativi, destinati ad agevolare la fruizione e la conoscenza del patrimonio culturale per le persone sorde.

Collaborazione nelle attività di promozione, comunicazione e diffusione della conoscenza del patrimonio culturale in campo nazionale e internazionale indirizzate alle persone sorde,  con iniziative comuni finalizzate a divulgare e valorizzare le rispettive iniziative culturali di formazione, pubblicazioni, anche elettroniche, kit didattici, sussidi scientifici e culturali e prodotti multimediali aventi per tema l’educazione al patrimonio culturale, con i mezzi ed i canali comunicativi a disposizione delle parti.

(firmato in data 5 maggio 2010)

 


 

4) Federazione Nazionale pro ciechi

Parti firmatarie

 

Servizio II – Centro per i Servizi educativi del museo e del territorio

Federazione Nazionale delle Istituzioni Pro Ciechi, con sede in  Roma, Via Gregorio VII,  267

Contenuti principali del protocollo

Collaborazione nel  settore dell’educazione al patrimonio culturale, didattica speciale patrimonio e dell’accessibilità.

Sviluppo di progetti sperimentali destinati al pubblico disabile visivo in età scolare e non, con lo scopo di favorire la piena attuazione del diritto all’informazione ed allo sviluppo armonioso della persona, facilitare l’integrazione, agevolare l’accesso al patrimonio culturale anche attraverso iniziative pilota legate a forme innovative di comunicazione dello stesso.

Elaborazione di sussidi e materiali didattici prototipali, anche mediante sistemi multimediali innovativi, destinati ad agevolare la conoscenza del patrimonio culturale per le persone cieche e ipovedenti

Collaborazione in attività di promozione, comunicazione e diffusione della conoscenza del patrimonio culturale in campo nazionale e internazionale, con iniziative comuni finalizzate a divulgare e valorizzare le rispettive iniziative culturali di formazione, pubblicazioni, anche elettroniche, kit e prodotti didattici, sussidi scientifici e culturali.

(firmato in data 16 febbraio 2011)

Condividi su:

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn