DG VAL

titolo notizie

Conclusa la consultazione on line “Cultura senza ostacoli”. Grande successo dell’iniziativa: vince Cagliari

LogoSi è conclusa il 20 giugno scorso la consultazione on line "Cultura senza ostacoli”, il progetto ideato e curato dalla Direzione Generale per la Valorizzazione del Patrimonio Culturale teso a finanziare, in un museo statale, la realizzazione di un percorso di accessibilità fisica e sensoriale.  

In soli 14 giorni hanno visitato il sito istituzionale oltre 35.000 persone ed hanno votato il “loro” museo 18.679 utenti.

Il più votato è stato il Museo Archeologico Nazionale di Cagliari, grazie anche ad una intensa campagna di promozione avviata sul territorio, che ha visto anche la partecipazione del celebre jazzista Paolo Fresu.

Molti i voti anche per il Castello Miramare a Trieste, per la Galleria Nazionale delle Marche ad Urbino, per il Museo Archeologico Nazionale di Napoli, per la Pinacoteca Nazionale di Bologna.

Siamo davvero soddisfatti del risultato di questa iniziativa che ben si colloca nell’ambito del processo democratico avviato dalla Direzione Generale con le precedenti consultazioni, volte all’ascolto dei fruitori del patrimonio, in un rapporto condiviso e partecipato del servizio pubblico- ha dichiarato Anna Maria Buzzi, Direttore Generale per la Valorizzazione del Patrimonio Culturale.  

Intendo ringraziare quanti hanno partecipato al progetto -ha proseguito il Direttore Buzzi- dagli Uffici territoriali del Ministero, ai social network, agli Enti Locali, alle Associazioni culturali e sociali che hanno operato in sinergia tra loro, avviando una competizione virtuosa tra i luoghi interessati dall’iniziativa.

L’impegno della Direzione Generale non si esaurisce qui, ha continuato Anna Maria Buzzi. Per gli altri importanti siti coinvolti nel progetto, in linea con il Decreto Legge “Turismo e Cultura” promosso dal Ministro Franceschini, si cercherà di attivare ulteriori forme di finanziamento attraverso il crowdfounding".

 

Condividi su:

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn