DG VAL

Progetti e Interventi

Percorso Accesibilità Tarquinia

Per soddisfare le esigenze del vasto pubblico che ogni anno visita la necropoli etrusca del Calvario a Tarquinia (VT) si è provveduto a redigere un progetto per l’abbattimento delle barriere architettoniche allo scopo di rendere pienamente fruibili alcune delle più famose tombe dipinte dell’area archeologica.

La caratteristica di tali monumenti, infatti, è data dalla difficoltà di accedere alla camera funeraria collegata all’esterno da stretti corridoi (dromoi) con ripide scale, che rendono completamente inaccessibili tali monumenti ai visitatori con esigenze specifiche. Il percorso sarà caratterizzato da un particolare disegno architettonico di forma circolare, finalizzato all'accesso diretto alle tombe. Il progetto prevede di dotare di montascale quattro camere funerarie: la Tomba del Fior di Loto, la Tomba delle Leonesse, la Tomba della Pulcella e la Tomba dei Demoni Azzurri.

Attualmente la visita delle superfici pittoriche di alcune tra le più importanti tombe della necropoli è possibile, anche per il pubblico disabile, tramite l'importante opera di musealizzazione realizzata all'interno del Museo Archeologico Nazionale di Tarquinia, a seguito di interventi di distacco delle pitture, operati durante gli anni cinquanta del secolo scorso.
La realizzazione del progetto permetterà quindi a tutti di poter visitare direttamente sul luogo alcuni tra i più significativi ipogei della necropoli etrusca, ammirando la straordinaria bellezza delle decorazioni vividamente impresse sulle pareti delle tombe, testimonianza della vita, dei costumi e del sentimento religioso degli Etruschi, riconosciute nel 2004, per il loro inestimabile valore culturale, Patrimonio dell'Umanità.

{yoogallery src=[/images/stories/valorizzare/progetti/tarquinia/] width=[150] title=[Necropoli Etrusca del Calvario, Tarquinia] style=[lightbox] effect=[fade] spotlight=[0] prefix=[thumb100_] thumb_cache_dir=[thumbs100] load_lightbox=[1] rel=[lightbox[mygallery]] load_lightbox=[1] resize=[1] order=[asc] count=[10]}

 


Le foto sono pubblicate per gentile concessione della Soprintendenza per i Beni Archeologici per l’Etruria meridionale.
Si ringraziano il Soprintendente Dott.ssa Anna Maria Moretti e la D
ott.ssa Maria Gabriella Scapaticci, responsabile di progetto.

Condividi su:

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn