DG VAL

Studi, ricerche e indagini

Sistema nazionale di monitoraggio e valutazione dei servizi aggiuntivi

LogoReferente DGVAL Servizio I  - Servizi al pubblico nei luoghi della cultura; dr.ssa Rosaria Mencarelli; arch. Manuel Roberto Guido; dott. Marcello Tagliente

Soggetto incaricato: Struttura Consulting S.r.l. Socialmetrica performance

Obiettivi e risultati attesi: la ricerca ha disegnato il nuovo Sistema nazionale di monitoraggio e valutazione dei rapporti di concessione dei servizi aggiuntivi, uno strumento adeguato a svolgere un ruolo di supervisione, indirizzo, coordinamento e trasparenza dell’intero sistema di M&V nella erogazione dei servizi al pubblico in concessione, che assicuri al contempo i necessari obiettivi di controllo dell’operato dei concessionari, l’utilizzabilità dei suoi elementi informativi come strumento di miglioramento continuo e garantire una rendicontabilità dell’intera “nuova stagione” dei servizi aggiuntivi ai diversi livelli sociali ed istituzionali.

Attività: Il sistema di monitoraggio è stato dapprima esteso fino a ricomprendere i temi dell’accountability, del rapporto pubblico-privato e della qualità, cui indissolubilmente il tema del controllo andava per qualificarsi nei contenuti e nel metodo e quindi meglio qualificato e valutato l’attuale sistema di controllo e valutazione dei rapporti di concessione dei servizi aggiuntivi, cogliendo in maniera puntuale i nodi critici e i vuoti da colmare.

La progettazione ha quindi sviluppato il “sistema” di monitoraggio e valutazione nei suoi elementi fondamentali :

1) il sistema di governance, cioè delle relazioni e dei ruoli;

2) i documenti e i report per la pianificazione, la rendicontazione e la valutazione;

3) i metodi e gli strumenti operativi, per chiarire le modalità attraverso cui operare;

4) i processi e le procedure, identificando le sequenze di azioni e comportamenti da attuare per il corretto funzionamento;

5) le informazioni, per chiarire quali grandezze costituiscono input e output del sistema;

6) la tecnologia, che identifica mezzi e protocolli da adottare;

7) l’utilizzabilità dei risultati, ai fini della pianificazione e del miglioramento del servizio;

8) i costi del sistema, per valutarne costantemente la convenienza.

I risultati del  lavoro sono confluiti – costituendone elementi portanti – nei documenti di gara predisposti dalla Direzione Generale per la Valorizzazione del Patrimonio Culturale e, in particolare, nell’articolato dedicato al controllo delle performance e della qualità dei servizi. Si tratta, dunque, di un lavoro di ricerca e progettazione il cui effetto applicativo si manifesterà già a partire dai prossimi rapporti concessori attualmente in fase di aggiudicazione.

Tempistica e stato di avanzamento:

Fase 1 - Disegno generale e sviluppo degli indicatori di M&V per i servizi in concessione – gennaio-aprile 2011 Conclusa.

Fase 2 - Sviluppo dell'organismo centrale di Monitoraggio e del sistema informatico di raccolta dei dati nazionali - avviata, si prevede la conclusione entro fine 2011.

Condividi su:

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn